Home

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

 

 

 

LA NAVIGAZIONE

L’assetto del corpo

Durante la navigazione  la posizione  del corpo e’ fondamentale per un ottimale conduzione  del kitesurf.

Regole

  • Braccia distese sul boma;
  • Gambe un po’ piegate, quella anteriore quasi distesa, quella posteriore flessa;
  • Schiena e spalle all’indietro, piu’ il kite tira piu’ dovrete buttarvi all’indietro verso l’acqua;
  • Peso del corpo  piu’ concentrato a poppa;
  • Sguardo rivolto nella direzione di marcia, guardando il meno possibile l’ala;
  • La tavola va’ tenuta di taglio ( spigolate ) e non piatta sull’acqua;
  • Non sbilanciatevi troppo in avanti.

Gestione dell’ala

Il movimento del kite varia notevolmente in relazione all’intensita’ del vento, la traiettoria e’ sempre sinusoidale, ma cambia in modo considerevole l’ampiezza del movimento.

• Vento leggero :

Occorre muovere molto il kite, cio’ e’ molto impegnativo e non sempre si riesce a generare una trazione apprezzabile.

Appena in planata occorre lascare per prendere velocita, subito dopo ci si porta progressivamente di bolina.

E’ consigliabile usare un ala grande con una barra lunga.

• Vento forte :

Quando il vento e’ sostenuto occorre avere un ala idonea, una barra corta e per navigare e’ sufficiente tenere basso il kite e muoverlo poco.

Inversione di marcia

Tavole bi-direzionali.
Per il cambio di mure occorre :

  • Diminuire la velocita’ dell’andatura alzando il kite fino allo zenit;
  • Sbilanciarsi indietro con le spalle fino a poggiare il corpo in acqua;
  • Appiattire la tavola sull’acqua ed orientarla nella nuova direzione;
  • Ripartire nelle nuove mura portando repentinamente il kite in avanti, come se si dovesse partire dall’acqua.
 



WINDREPORT:

 

2006– © Kite-tecnica.it — Franco Russo