Home

 

 

FINESTRA DI VOLO E ZONE DI POTENZA

Per stabilire la finestra di volo si procede come di seguito descritto:

Si individua la direzione del vento e ci si posiziona offrendogli le spalle, l’apertura delle braccia simboleggia la finestra del vento dove le mani sono i due punti a novanta gradi a  destra e a sinistra, lo zenit e’ dato dalla porzione di spazio sopra la nostra testa.

La finestra di volo ha la forma di un quarto di sfera.
La sua estenzione e’ dunque di 180°, ed e’ la superficie lungo cui si muove l’aquilone, entro tale finestra la posizione che assume il kite ne determina la potenza e quindi la trazione che esso esercita sul kiter.

Con poco vento tale finestra si riduce notevolmente, arrivando anche a misurare 45°.
L’aquilone va’ tenuto sempre nella zona centrale della finestra di volo cosi da poterla sfruttare al meglio, al di fuori di tale zona il kite precipita.

Nella finestra di volo si individuano quattro zone significative  per  il  volo  e  la  conduzione  dell’aquilone; esse sono:

• Lo zenit  denominato anche punto zero o posizione di stallo, esso si trova sopra la testa del kiter, l’ala ha poca trazione ed e’ l’ideale per riposarsi o  camminare. 

• Il bordo finestra  detta anche zona neutra, e’ quella zona che si trova subito dopo lo zenit, passa sopra la testa del kiter  per  circa 45° prima di arrivare al centro finestra, e’ la zona dove si fa’ atterrare o decollare l’ala.

• Il centro finestra  e’ la zona di massima trazione del kite con le linee che formano 45° rispetto all’acqua. Portando l’ala dal bordo finestra verso il centro finestra si ottiene un aumento progressivo della potenza generata dal vento.

• La power zone e’ la zona di massima potenza del kite, e’ posizionata al centro ed in basso della finestra di volo.

 



2006– © Kite-tecnica.it — Franco Russo